Il nostro sito mcasinofr.com pubblica articoli di qualità sull'attualità dei giochi di casinò (slot machine o macchine mangiasoldi, roulette, craps, baccarat e altri giochi di dadi), di carte (blackjack, poker), e delle macchine automatiche da gioco (videopoker...).


Safari

Mondo del Giurassico

Indiana Croft & Lara Jones


I Ciclisti del Diavolo

Jimmy della Giungla

Luna Park

Stati Uniti: si intensificano le pressioni per la liberalizzazione del gioco d'azzardo online

Le pressioni per la liberalizzazione del gioco d'azzardo esercitate sui legislatori statunitensi dai giocatori e dalle varie associazioni a tutela dei
diritti dei consumatori si sono intensificate negli ultimi mesi.

Il presidente della Poker Players Alliance (PPA) John Pappas ha dichiarato recentemente che il disegno di legge sulla liberalizzazione del gioco d'azzardo  online proposto dal Senatore Barney Frank potrebbe essere adottato entro la fine dell'anno. La proposta di legge che mira ad abrogare l'UIGEA (Unlawful Internet Gambling Enforcement Act) gode del sostegno di una cinquantina di eletti e di politici statunitensi. La PPA che ha moltiplicato ultimamente i suoi sforzi di sensibilizzazione delle autorità di Washington nei confronti del poker online, ha persino lanciato una petizione intitolata "Poker is not a crime" (Il poker non è un crimine). Secondo le stime più recenti la petizione avrebbe raccolto fino ad ora 390.000 firme.
Questa settimana, l'associazione Safe and Secure Internet Gambling Initiative che sostiene il gioco d'azzardo in un ambiente sicuro e regolamentato, ha lanciato una campagna on line in cui il bando sul gioco d'azzardo on line viene paragonato al Proibizionismo americano degli anni '20-'30. Le pubblicità col messaggio "La proibizione non ha funzionato per l'alcool, non funziona né per il gioco d'azzardo on line" sono apparse sui siti web dei più importanti giornali e blog politici.
Il principale scopo di queste azioni di protesta è l'aborgazione dell'UIGEA, una legge approvata dal Congresso degli Stati Uniti nel 2006 e controfirmata dal Presidente George W. Bush. Essa proibisce alle istituzioni finanziarie degli Stati Uniti ad accettare transazioni con i siti web di casinò registrati all'estero.
Le varie alternative alla legge in vigore dovrebbero essere dibattute ad Ottobre.




La IPPA organizzerà il più caro torneo di poker del mondo

La International Poker Players Association (IPPA) intende organizzare un campionato di poker poco comune nel quale 48 partecipanti si affronteranno in un torneo previsto con un buy in di 250.000 dollari. La prima tappa del torneo si svolgerà a Cipro nel periodo 13 - 16 settembre.
Il primo livello di qualificazione consiste in un torneo da 1.800 dollari che permetterà di qualificarsi alla prossima tappa, un torneo con possibilità di rebuy a 12.800 dollari. Se necessario, sarà organizzato un terzo livello di qualificazione che consentirà di accedere ad una semifinale per la qualifica all'evento di 250.000 dollari.
Il prize pool garantito raggiungerà la favolosa cifra di 12 milioni di dollari. Il vincitore di questo torneo di elite si aggiudicherà un premio da 5 milioni di dollari. Il giocatore qualificatosi il secondo vincerà 2.5 milioni di dollari, mentre il terzo partirà a casa con 500 000 dollari nelle tasche.



La 'tempesta economica' dell'Europa dell'Est colpisce il settore del gioco d'azzardo

La 'tempesta economica' e le nuove normative sul gioco d'azzardo dei paesi dell'Est europeo hanno provocato un calo dei profitti del 90% nella prima metà del 2009.
Il mercato più colpito di tutti è quello estone. La Borsa estone degli operatori di casinò ha dichiarato che i ricavi consolidati sono diminuiti nel primo semestre del 2009 del 31%, fino a 61.7 milioni di euro. Il MOL (margine operativo lordo) si è deprezzato ancora di più, registrando un calo del 91%, cioè solo 1.53 milioni di euro rispetto ai 17.25 milioni registrati nel 2008.
L'operatore "Olympic Entertainment" gestisce circa 90 casinò in 8 paesi dell'Europa dell'Est. Nel 2009 la società ha subito pienamente gli effetti della difficile situazione economica dei mercati baltici e della chiusura di tutte le sale da gioco dell'Ucraina, prevista dalla nuova normativa adottata all'inizio dell'estate.
Olympic Entertainment ha dichiarato di aver registrato perdite in 27 delle sue sale da gioco, di cui cui 13 situate in Estonia e 7 in Lettonia. Il gruppo aveva già chiuso 10 sale da gioco nel 2008. Anche il personale è stato ridotto di 616 dipendenti, rappresentando 16% del suo personale. Tuttavia, la società ha affermato che le entrate del secondo semestre hanno registrato un leggero aumento del 0.7%: "Nonostante le tendenze negative del mercato durante il secondo trimestre dell'anno, il livello del fatturato consolidato si è stabilizzato dopo il significativo calo registrato nei primi due mesi del 2009".
Olympic Entertainment ha aggiunto che la chiusura di tutte le sale da gioco dell'Ucraina gli ha fatto perdere altri 1.2 milioni di euro. La società è stata costretta a chiudere le sue tre filiali ucraine,  che hanno presentato delle istanze di fallimento come previsto dalla procedura di liquidazione. Olympic Entertainment intende chiedere al governo ucraino dei risarcimenti per l'annullamento delle sue licenze di gioco. Olympic Il gruppo ha ammesso di aver già iniziato le negoziazioni in questo senso.
Nonostante la difficile situazione registrata sui mercati baltici, la Olympic Entertainment ha registrato una crescita delle entrate in Slovacchia,
Romania e Bielorussia, mentre le entrate derivanti dal mercato polacco sono in lieve ribasso.



32Red intenta processo a 32Vegas

Il casinò online 32Red intenta causa all'operatore britannico William Hill per infrazione alle leggi sui marchi depositati.
Infatti, William Hill ha acquistato di recente dalla Playtech un casinò online intitolato 32Vegas. Secondo i rappresentanti di 32Red, l'uso di un nome di dominio rassomigliante al loro può aver sconcertato gli utenti, portando a un calo delle entrate. Loro sostengono che molti giocatori si sono registrati a 32Vegas, pensando di aver aperto un conto sul sito di 32Red.
William Hill, società inglese che ha spostato la sua sede in Gibilterra, può promuovere il proprio marchio 32Vegas sul principale mercato di 32Red, il Regno Unito, grazie alla White List.
Di recente, i rappresentanti di William Hill hanno dichiarato di aver creato un casinò virtuale intitolato 21Nova e nel futuro tutti i giocatori del casinò 32Vegas saranno reindirizzati verso quest'ultimo.
32Red non rinuncia però alle accuse: "William Hill ha ricavato grandi benefici in tutto questo periodo e ci ha fatto perdere somme considerevoli. Loro hanno tratto vantaggio dalla nostra riputazione e dal nostro nome e chiediamo di essere risarciti", ha dichiarato Ed Ware, direttore esecutivo di 32Red.  


William Hill trasferisce le sue divisioni in Gibilterra

Adesso è ufficiale. L'operatore britannico di scommesse William Hill trasferirà tutte le sue divisioni a Gibilterra. La decisione trova giustificazione nel basso regime di tassazione applicato in Gibilterra: 1,5% rispetto al 15% che la società era costretta a pagare in Inghilterra. Le tasse risultano 10 volte più basse da quelle praticate nei paesi occidentali.
Ultimamente, spinti dalla crisi del settore, molti operatori di giochi e scommesse hanno preferito di trasferire le loro sedi in Gibilterra, creando un vero trend. Un 'trend' che risulta però redditizio in questi momenti di recessione. Infatti sembra che anche Lad Brokers e Coral, due altri grandi bookmakers britannici, seguiranno l'esempio di William Hill.
Il governo inglese si è dichiarato deluso dalla scelta fatta dalla società William Hill e prende in considerazione la possibilità di fare alcuni cambiamenti nel regime fiscale per motivare le società che operano in questo settore di restare nel Regno Unito.
Tuttavia, il bookmaker britannico non sembra attraversare un periodo difficile. Di recente, il gruppo William Hill ha reso pubblici i risultati finanziari per il primo semestre del 2009, annunciando un aumento di 58% delle sue entrate.



La Francia: cresce del 55% il numero dei giocatori di poker online

La Poker Players Research (PPR), un'azienda specializzata negli studi di mercato del settore pokeristico, ha pubblicato i risultati di una recente indagine.
Secondo le statistiche, la Francia conta 1.3 milioni di giocatori di poker online, occupando il quarto posto in una classifica mondiale. Il primo posto spetta di diritto agli Stati Uniti, un paese che registra 10 milioni di giocatori. I successivi posti sono occupati dal Regno Unito (1.9 milioni) e dalla Germania (1.4 milioni).
Nonostante la recessione, la Francia ha registrato una crescita del 55% del numero di giocatori che frequentano la sale di poker virtuali.
Oltre al numero di giocatori è aumentato anche il numero medio delle connessioni nello stesso intervallo temporale. Tuttavia, 8.4 milioni su 20 milioni, cioè 42% dei giocatori, giocano a poker anche "offline", nei club, casinò o nelle partite private. Ciò dimostra che il poker non è solo un 'trend' legato all'internet.  
Stimato a 4 milioni nel 2007, il numero di giocatori "live" del mondo sembra essersi più che raddoppiato. Il secondo gioco nelle preferenze degli amatori del poker risulta, secondo l'indagine, il blackjack (il 27% contro il 15% dello scorso anno). Molto popolari risultano anche le scommesse sportive: 28% dei giocatori di poker scommettono sulle competizioni sportive contro il 14% nel 2008.

Sembra dunque che il poker online si sente a proprio agio sul territorio europeo. Un'altra conferma ci viene dalla società Christiansen Capital Advisors, la quale stima che il mercato del poker online continuerà a svilupparsi con la stessa energia nei paesi "emergenti" o adottando una regolamentazione favorevole al gioco online.


GamCare sostiene Poker in the Park

La famosa pubblicazione europea di poker - "Bluff Europe" - ha annunciato che la terza edizione del festival londinese "Poker in the Park" è stata approvata dalla GamCare, l'associazione nazionale inglese che si occupa dei problemi relativi all'impatto sociale del gioco.
Poker in the Park, il maggiore festival annuale di poker, si svolgerà dal 13 al 15 di Agosto nel famoso Leicester Square situato nel cuore della Londra.
Una delle principali attrazioni del festival sarà costituita dalla presenza di alcuni giocatori professionisti. Neil Channing, Nick Persaud, Ian Frazer, Paul Jackson e Kara Scott saranno tra le personalità presenti all'evento. Loro terranno delle conferenze aperte al pubblico e firmeranno autografi ai fan. Circa 15.000 appassionati del gioco potranno dialogare con le poker star e iscriversi a tornei gratuiti.
Il caporedattore della rivista Bluff Europe - uno dei principali sponsor dell'evento - sostiene che è molto importante di promuovere un gioco sicuro e eccitante e di fornire ai partecipanti un divertimento di qualità.
E' per la terza volta che l'associazione GamCare è stata invitata a partecipare a questo festival rivolto sia agli amatori che agli professionisti. La pubblicazione desidera che i giocatori abbiano conoscenza del fatto che la GamCare fa parte della comunità di poker.


Nozze insolite al Casinò di Venezia

A partire da settembre, sarà possibile di celebrare le sue nozze al famoso Casinò di Venezia. E' questa la più recente trovata di marketing della direzione del casinò veneto. Infatti, per compensare le perdite dovute al calo delle scommesse - risultato della recessione mondiale, numerosi casinò devono orientarsi verso nuovi mezzi di guadagno.
Per una somma di circa 40 mila euro, gli invitati saranno ospitati nei maestosi saloni con vista sul Canal Grande della casa da gioco lagunare. Loro assaggeranno le pietanze del ristorante interno al casinò e per divertirsi potranno riunirsi intorno ai tavoli di gioco. Per di più, Carlo Pagani, il direttore del casinò ha dichiarato per il quotidiano Italia Oggi: "Oltre alla bellezza e al lusso delle nostre sale di rappresentanza, daremo la possibilità di abbinare a una cerimonia nuziale studiata nei minimi particolari anche una puntata ai nostri tavoli verdi e una serie di altre prestazioni a dir poco eccezionali. Stiamo studiando la possibilità di far eseguire un breve concerto nelle stanze dove soggiornò Wagner, oltre a un giro in gondola".


World Series of Poker 2009 - i magnifici nove

Dopo 12 giornate di gioco, il tavolo finale del Main Event è stato finalmente deciso. I nove giocatori qualificati per il tavolo finale che si svolgerà a Las Vegas tra il 7 e il 20 di novembre, sono:

1.Darvin Moon - 58 930 000 gettoni;
2.Eric Buchman - 34 800 000 gettoni;
3.Steven Begleiter - 29 885 000 gettoni;
4.Jeff Shulman - 19 580 000 gettoni;
5.Joseph Cada - 13 215 000 gettoni;
6.Kevin Schaffel - 12 390 000 gettoni;
7.Phil Ivey - 9 765 000 gettoni;
8.Antoine Saout - 9 500 000 gettoni;
9.James Akenhead - 6 800 000 gettoni.


A partire dal 2008 il tavolo finale delle WSOP è stato rimandato a novembre per esigenze televisive. I nove giocatori si ritroveranno il prossimo novembre a Rio Casinò di Las Vegas, dove gareggeranno per premi milionari. Il campione mondiale ripartirà a casa con 8.546.435 dollari. 


Il primo casinò automatizzato apre le sue porte a Bagni di Lucca

La stazione termale Bagni di Lucca avrà a partire dal 15 di agosto il proprio casinò.
Visto che la legge italiana non autorizza l'apertura di una sala da gioco tradizionale, il casinò di Bagni di Lucca sarà completamente 'automatizzato'. Il nuovo format innovativo è stato battezzato la 'sala Kursaal'. Il funzionamento delle sale di gioco a macchine automatiche di tipo slot o roulette elettronica è possibile in base alla legge Bersani del 2006. Il bando per la gestione del casinò è stato vinto dalla Bakoo spa, un'azienda Parmigiana produttrice di macchine da intrattenimento.
La sala di gioco funzionerà all'interno dello storico Casinò Municipale, una struttura imponente che risale alla fine del 1800. Tutti gli apparecchi da gioco saranno completamente automatizzati e utilizzeranno le tecnologie le più recenti, in osservanza della normativa vigente. La casa da gioco organizzerà regolarmente anche dei tornei di Texas Hold'em e Bridges, giochi autorizzati dallo stato.   
Il sindaco della città si dichiara contento. Il nuovo casinò contribuirà alla creazione di posti di lavoro per i residenti e attirerà un numero sempre maggiore di visitatori nella città termale, destagionalizzando l'offerta turistica. Questo è il primo esperimento del genere in Italia e sarà presto imitato da altre località turistiche.



Las Vegas - concerto in omaggio a Michael Jackson

Las Vegas, la capitale mondiale del gioco d'azzardo, ha deciso di rendere un'ultimo omaggio a Michael Jackson, il Re del Pop.
Le autorità di Las Vegas hanno deciso di organizzare un grande show dedicato alla pop star il 29 di agosto, giorno in cui l'artista avrebbe festeggiato il suo 51mo anniversario. Il concerto si svolgerà nella sala "Pearls" del hotel casinò The Palms. Tutti i soldi ricavati dalla vendita dei biglietti saranno versati sui conti della fondazione "VH1 Save The Music", specializzata nella promozione dell'educazione musicale in tutte le scuole degli Stati Uniti.
Eric Bergen, il co-produttore dell'evento, ha dichiarato che al spettacolo parteciperanno tantissime personalità di Las Vegas, nomi famosi dell'industria musicale e alcuni band, come i "Jersey Boys". Il resto del programma sarà annunciato ulteriormente.
Prima della sua morte, i media hanno discusso a lungo sulla decisione dell'artista di aprire un casinò. Infatti, Michael Jackson voleva aprire a Las Vegas un casinò ispirato dall'atmosfera terrificante del suo album "Thriller". Avendo in mente questo progetto, Michael Jackson ha visitato più volte nel suo ultimo anno di vita questa città situata in mezzo al deserto. Dunque, i legami tra l'artista e la città di Las Vegas non sono del tutto assenti.
Tra l'altro, tantissimi casinò hanno reso omaggio a Michael Jackson. Par fare un esempio: un casinò online organizzerà in onore di Michael Jackson un torneo di slot la cui finale si svolgerà sempre il 29 di agosto.


888.com lancia il suo casinò online 3D

I rappresentanti del famoso casinò online 888.com hanno rivelato di recente l'intenzione di "ridisegnare" il loro sito secondo un modello 3D. L'inaugurazione è prevista per questo autunno. Questa innovazione si propone sopratutto di aumentare il numero di giocatori per compensare il calo delle scommesse dovuto alla crisi.
Questa non è la prima incursione dell'azienda nel mondo 3D. Maggio scorso, 888.com ha lanciato una nuova versione del suo software di poker su Pacific Poker. L'interfaccia grafica completamente 3D offre ai giocatori una migliore
esperienza di gioco.
La 888 Holdings plc è una compagnia fondata a Antigua in 1997. In 2003 l'azienda ha spostato il suo centro amministrativo a Gibilterra per approfittare di una riduzione sulle tasse. A partire dal 2004, il gruppo 888.com è diventato lo sponsor principale del Middlesbrough Football Club.






1

casino online - casino bingo poker